INTERIORS

Image Slider

28 aprile 2015

Utilities per l'Home Office


Leggendo il post che Ecce Home ha dedicato all'home office mi sono resa conto che la mia workstation al momento è un orrore.
O.r.r.o.r.e.
Ovviamente ora come ora non ho tempo di metterci mano e quindi dovrò continuare a sopravvivere in mezzo a cavi di varia natura, fogli, riviste, matite sparse, varie ed eventuali, ma giurissimo che prima o poi mi procurerò queste amenità e sarò una freelance perfetta.
Più o meno ;)

As I read the post Ecce Home has dedicated to home office, I realized that my workstation at the time is horrific.
H.o.r.r.i.f.i.c.
Obviously I don't have time to fix it right now and then I'll have to continue surviving in the midst of cables of various kinds, sheets, magazines, scattered pencils, any other business, but I swear that sooner or later I'll get these amenities and I will be a perfect freelance.
More or less ;)






Immagini via Pinterest







24 aprile 2015

MaxMeyer meets Pantone: #justcolouryourselfie


Vi ricordate il post sul Marsala e sui suoi abbinamenti di qualche tempo fa? Ecco, oggi torno volentieri a parlarvi della collaborazione tra Pantone e MaxMeyer perché in occasione della Design Week milanese ho avuto il piacere di partecipare all’evento di presentazione del contest #justcolouryourselfie.


Si tratta di un concorso fotografico su Instagram e partecipare è veramente semplice:
  • scattatevi un selfie e postatelo sulla vostra bacheca Instagram con l’hashtag #justcolouryourselfie
  • collegatevi al sito collectionpantone.maxmeyer.it e registratevi tramite la funzione Instagram Connect completando l’apposito form online.
 Il selfie dovrà essere colorato e originale, quindi non ponete limiti alle vostre capacità artistiche ed esprimete liberamente la vostra creatività e la vostra personalità!
Il premio in palio è di quelli che fanno gola a tutti gli appassionati di design: un week-end per due persone al Pantone Hotel di Bruxelles! Non male no?

Il contest è valido dal 14 aprile al 14 settembre 2015, quindi mani agli smartphone e iniziate subito a scattarvi splendidi selfie perché io non so se vi rendete conto che potreste svegliarvi la mattina tra queste amenità:



Io li amo.


21 aprile 2015

Fuorisalone 2015


Come ogni anno, aprile arriva e porta con sé la settimana di “Natale + 4 mesi”, universalmente conosciuta come settimana del Salone del Mobile.
Non mi stancherò mai di dirvi quanto la amo, e soprattutto per noi che facciamo i designer di mestiere è davvero una festa.


Quest’anno non sono andata in fiera, quindi tecnicamente il salone non l’ho visto, ma in compenso ho distrutto piedi e fegato andando in giro per i vari eventi cittadini a rifarmi gli occhi e a lasciarmi ispirare. Ma se dovessi dare un giudizio complessivo sarebbe meh. Non ho visto grossi guizzi di creatività rispetto all'anno scorso, e anzi ho notato un fin troppo visibile fine commerciale in molte delle cose esposte. Il trend è più o meno rimasto lo stesso degli ultimi anni, ovvero la sempre maggiore attenzione all’ecosostenibilità dei materiali e dei processi produttivi, e mi sembra che in questo senso l’innovazione tecnologica stia un po’ superando quella formale. In soldoni: non ho quasi visto niente di nuovo, soprattutto sul fronte del complemento d’arredo. Le due cose che mi sono piaciute di più sono state la mostra di Domus ai Bastioni di Porta Nuova e l’esposizione dei lavori del celeberrimo studio Nendo, capeggiato dal mio adorato Oki Sato.

“Youthful Stories – Storie di Ventenni” è la mostra che Domus dedica ai lavori giovanili di dieci designer iconici (Alessandro Mendini, Jasper Morrison, Alberto Meda, Paolo Rizzatto, Mario Bellini, Michele de Lucchi, Antonio Citterio, Humberto e Fernando Campana, Ronan ed Erwan Bouroullec e Konstantin Grcic) per mostrarci il loro percorso creativo e ciò che ha contribuito alla formazione della loro personalità come progettisti. Vale la pena farci un salto anche solo per i video in cui questi personaggi raccontano i loro punti di vista sul design, quindi visto che la mostra è visitabile fino al 30 aprile consiglio a chi è a Milano di andarci.


Nendo works 2014-2015 è stata la cosa più interessante che ho visto dal punto di vista del design. E questo soprattutto per un motivo: sia gli arredi che gli accessori erano di una semplicità e di una bellezza disarmante, la forma rivelava la funzione, l’idea era visibile. A dimostrazione del fatto che Mies buonanima aveva ragione: less is more funziona sempre.