INTERIORS

Image Slider

26 aprile 2016

Cronache dal salone del mobile /2

Come vi avevo anticipato nello scorso post, oggi vi faccio vedere altre cose che mi sono piaciute del Fuorisalone di Milano. Non sono oggetti ma installazioni, a mio parere la cosa più interessante delle design week degli ultimi anni.

"A matter of perception:tradition and technology",
Palazzo Litta
"A matter of perception:tradition and technology",
Palazzo Litta
"A matter of perception:tradition and technology",
Palazzo Litta

"Labirinti e fili",
Circolo Marras
"Labirinti e fili",
Circolo Marras
"Labirinti e fili",
Circolo Marras
"Temporary restaurant",
Circolo Marras
"Mooi & Mooi Carpets",
Spazio Savona 56
"Mooi & Mooi Carpets",
Spazio Savona 56
"50 Manga Chairs" by Nendo,
Chiostri di San Simpliciano
Gebrüder Thonet Vienna,
Chiostri di San Simpliciano

Università degli Studi di Milano
Università degli Studi di Milano
Università degli Studi di Milano

21 aprile 2016

Cronache dal Salone del Mobile /1

 Come voi tutti appassionati di interior design saprete, la scorsa settimana si è svolto a Milano il 55° Salone del Mobile. Ovviamente non potevo mancare, quindi mi sono fatta i miei sei giorni di camminate devastanti e spossatezze alcoliche fisiche (c'era un caldo incredibile) ma ho visto tante cose interessanti. Ammetto candidamente di non aver messo piede in fiera, mi sono concentrata sul Fuorisalone che mi piace molto di più perché mi dà modo di vedere come la città interagisce con gli oggetti e le installazioni.
E poi volete mettere Milano in primavera?


Detto ciò, pensando a come impostare questo post sono giunta alla conclusione che fare un elenco di brand e cose superfighe è in tutta onestà 1) noioso e 2) inutile, anche perché potete trovare tutto su altri siti e blog, perciò farò una breve considerazione sui trend per il prossimo anno e vi farò vedere qualche foto.

Come avevo anticipato nella breve intervista pre-salone che ho fatto per Arrecasa c'è un ritorno del decò declinato in chiave contemporanea. Questo si traduce in linee molto pulite per gli arredi e preziosità dei materiali, non ultimo l'ottone che dà quel tocco gold che Anna Dello Russo approverebbe. Ma anche superfici decorate che danno valore alla geometria delle forme: le cementine ne sono l'esempio lampante, ma qua e là ho visto spuntare anche mobili intarsiati/decorati in modo molto raffinato.

Collezione di Nika Zupanc
Spazio Rossana Orlandi
Collezione di Nika Zupanc
Spazio Rossana Orlandi

Spazio Rossana Orlandi

Showroom Salvatori

Matteo Cibic per Scarlet Splendour
Spazio Rossana Orlandi

Madia intarsiata penso olandese
Palazzo Clerici

Hemiole di Matì
Chiostri di San Simpliciano

Sempre come detto nell'intervista, ma non ci voleva la sfera di cristallo, le cucine diventano degne di uno chef professionista. L'attenzione sempre crescente per una corretta alimentazione e i modi di consumare il cibo stanno cambiando, e questo importantissimo ambiente della casa cambia di conseguenza. La cosa che mi ha colpito di più è stata nello showroom di Boffi: sono riusciti ad integrare il piano ad induzione con il piano di lavoro in modo da far scomparire i fornelli quando non servono. Credo che sia ancora un prototipo ma comunque occhi a cuore.

Non si vede ma qui ci sono i fornelli
Showroom Boffi

Prese integrate
Showroom Boffi

Fornelli montati sul piano in pietra
Showroom Boffi

Nel prossimo post vi farò vedere altre cose che mi sono piaciute, stay tuned!



18 aprile 2016

Home Tour: 38 mq a San Paolo

Ci tengo a rendere noto a tutti che esistono progetti d'interni ben fatti e interessanti anche fuori dalla Scandinavia. Giuro, mano sul cuore.

Via Decouvrir Design
Questo che vi faccio vedere oggi è un monolocale di San Paolo di soli 38mq, ottenuti grazie alla scelta dei proprietari di chiudere la veranda di 11mq con vetrate scorrevoli per adibirla a cucina. Questa soluzione, oltre a regalare la vista sulla città, ha permesso di sfruttare il resto dello spazio per organizzare la zona notte e giorno divise da un tramezzo decorativo forato che in brasiliano si chiama "cobogo".

Via Casa.com
Le scelte di decòr e la cura progettuale dei dettagli hanno fatto il resto. La cucina, la cui area è sottolineata da una pavimentazione di piastrelle colorate, utilizza elementi di design dall'evidente appeal '70 che essendo compatti non ingombrano. Il bianco delle pareti e del mobile contenitore e il grigio del resto del pavimento allargano lo spazio, mentre l'inserimento di pezzi di design vintage e di elementi in legno scaldano l'ambiente.
Il bagno ha pure la finestra, cosa volere di più.






Immagini via Decouvrir Design

08 aprile 2016

Friday Favorite: green palms year-less planner

In vista della Design Week che sta per cominciare, l'oggetto del desiderio di oggi è l'agenda Green Palms del brand statunitense Ferme à Papier, che con le sue 130 pagine suddivise in anno/mese/settimana è un planner perfetto per organizzarsi l'esistenza. E poi il tema "jungle" va un casino quest'anno.


L'autrice è Cat Seto, artista di San Francisco, che ha deciso di fondare il suo studio/boutique/laboratorio creativo al ritorno da un viaggio a Parigi. Oltre alle agende fa un sacco di cose, ma questo oggetto in particolare mi piace molto per l'impaginazione pulita e senza fronzoli.

Immagini via sito

06 aprile 2016

Aprile dolce dormire: vademecum per la scelta del letto

La primavera per me è sinonimo di alberi e prati in fiore, giornate più lunghe e un'incalcolabile quantità di pigrizia. E io già parto da un livello considerevole, quindi è facile immaginare quale sia la cosa che bramo di più in questo periodo: il letto. E visto che sto meditando di cambiare il mio, ho pensato di condividere con voi il frutto delle mie ricerche creando un vademecum che vi aiuterà a scegliere la tipologia più adatta alle vostre stanze.

Letto protagonista
Se la classica camera da letto coordinata armadio-comodini-letto-comò non fa per voi, optate per questa tipologia. Sta infatti meglio accompagnato da arredi e piani d'appoggio minimali che ne esaltano la presenza senza ingombrare troppo lo spazio. 
  
Carnaby di Twils
Design: Studio Balutto Associati
Kelly's di Bontempi

Geometrie morbide
Per coloro a cui piacciono linee pulite e forme compatte ma non vogliono rinunciare alla sensazione di comfort di un letto imbottito. Letti di questo tipo si inseriscono bene anche in camere più tradizionali donando quel twist in più. 

Fiji di Milano Bedding
Plaza di Bolzan Letti

Ferro battuto contemporaneo
Ideale per gli amanti del classico. Negli ultimi anni alcune aziende hanno svecchiato l'immagine un po' ottocentesca del letto in ferro battuto proponendo molti modelli dalle forme sinuose e accattivanti, che stanno benissimo anche in contesti molto moderni. Hanno il grande pregio di essere leggeri alla vista, quindi se vi ritrovate camere da letto non nuovissime, magari in legno, e non avete budget per cambiare totalmente i mobili, tenete in considerazione una scelta di questo tipo.

Astro di Ciacci
Memory di Ciacci
Urbino di Cantori

Legno maschile
Scordatevi il lettone della bisnonna con la testata monolitica, anche in questo caso vale il discorso fatto per i letti in ferro battuto: il trend degli ultimi anni li vuole leggeri, filiformi e possibilmente non troppo "duri". Spesso infatti è possibile aggiungere accessori imbottiti (soprattutto per la testata) che evitano di spaccarvi la schiena quando vi appoggiate. Scelta azzeccata se amate interni dal gusto vagamente maschile, ma se dovete inserirlo in camere già esistenti occhio all'essenza: legni diversi raramente stanno bene insieme.

Morgan di Dall'Agnese

P-120 di Dale Italia


04 aprile 2016

Palette di Aprile

Immagine via Pinterest
Palette creata con COLOURlovers

01 aprile 2016

Friday Favorite: colombina fish

L'oggetto di design di oggi non poteva che essere a tema "pesce", ça va san dire.

via 
In effetti sono più oggetti, addirittura un servizio intero: sto parlando del set di posate Colombina Fish, disegnate da Massimiliano e Doriana Fuksas per Alessicon la consulenza dell'esperto gastronomico Alberto Gozzi. Si tratta di 11 elementi la cui impugnatura presenta una texture che riproduce le squame dei pesci; a me ricordano le code delle sirene e visto che sono molto legata al mare le trovo bellissime e poetiche.

via
Sono presenti anche posate speciali come la forchettina per ostriche e molluschi, il cucchiaino da caviale, lo schiacciacrostacei. Insomma, chi è impedito come me quando si tratta di mangiare cose "difficili" non ha più scuse!

via